Discussione:
Progettare una sala server
(troppo vecchio per rispondere)
mailgate
2004-09-21 10:18:09 UTC
Permalink
Nella mia azienda mi è stato chiesto di predisporre un nuovo locale per
riunire tutte le apparecchiature di rete e i server e contemporaneamente
renderlo adeguato alla dormativa del DPS 2004 (doc. prog. sicurezza)
Dovrebbe contenere un rack per il cablaggio e 4 server tower.

In rete e sul ng sono riuscito a trovare molto poco
Avete qualche link dove trovare le caratteristiche tecniche per allestire
queste sale.

Intanto vi rendo partecipi di quanto pensato fin'ora.

- Stanza chiusa con controllo accesso elettronico (codice d'accesso o
biometrico)
- Impianto di condizionamento indipendente tarato sulle calorie delle
macchine presenti
- Allarme alta temperatura
- Allarme antiintrusione e videoripresa
- Allarme e sistema anti-incendio
- Impianto di distribuzione prese lan in cat 6
- Impianto di distribuzione prese corrente separato con ups

Dovrebbe bastare ???

Grazie.
n3tgan3sh
2004-09-21 10:25:35 UTC
Permalink
Post by mailgate
- Stanza chiusa con controllo accesso elettronico (codice d'accesso o
biometrico)
- Impianto di condizionamento indipendente tarato sulle calorie delle
macchine presenti
- Allarme alta temperatura
- Allarme antiintrusione e videoripresa
- Allarme e sistema anti-incendio
- Impianto di distribuzione prese lan in cat 6
- Impianto di distribuzione prese corrente separato con ups
pavimento galleggiante, già che ci sei <g>
Luca Sasdelli
2004-09-21 10:36:06 UTC
Permalink
Post by n3tgan3sh
pavimento galleggiante, già che ci sei <g>
Giusto. Contro gli allagamenti <g>

Ciao
Luca
--
Luca Sasdelli
Microsoft MVP - Security, Networking, Windows NT/2000/XP
http://support.microsoft.com/newsgroups/default.aspx
IDRCI Italia - http://www.idrci.it - http://forum.idrci.it
CHX-I, CHX-I NAT Stateful Packet Filter
mailgate
2004-09-21 14:22:35 UTC
Permalink
Post by Luca Sasdelli
Post by n3tgan3sh
pavimento galleggiante, già che ci sei <g>
Giusto. Contro gli allagamenti <g>
Mica una brutta idea;-) se viene una spanna d'acqua avere i server rialzati
aiuta .

A parte gli scherzi ci avevo pensato ma per contenere i costi farei
realizzare una serie di prese a muro poco più sopra dei tavoli di appoggio.
In casa ho 4-5 server compaq tower.
XXXX
2004-09-21 14:44:32 UTC
Permalink
Post by Luca Sasdelli
Post by n3tgan3sh
pavimento galleggiante, già che ci sei <g>
Giusto. Contro gli allagamenti <g>
Non ne ha bisogno...
Hai visto la sua email? ;-)


---
Outgoing mail is certified Virus Free.
Checked by AVG anti-virus system (http://www.grisoft.com).
Version: 6.0.766 / Virus Database: 513 - Release Date: 17/09/2004
n3tgan3sh
2004-09-21 15:34:15 UTC
Permalink
Post by XXXX
Post by Luca Sasdelli
Post by n3tgan3sh
pavimento galleggiante, già che ci sei <g>
Giusto. Contro gli allagamenti <g>
Non ne ha bisogno...
Hai visto la sua email? ;-)
ROTFLASTC
Luca Sasdelli
2004-09-21 10:36:39 UTC
Permalink
Post by mailgate
Dovrebbe contenere un rack per il cablaggio e 4 server tower.
Almeno per uniformita', penserei al rack per patch panel, apparati
attivi di rete e server rack. Il cablaggio ne risulta piu' ordinato e
accessibile per manutenzioni, lo spazio occupato e' molto inferiore e
anche la rumorosita' e' piu' bassa.
Post by mailgate
- Stanza chiusa con controllo accesso elettronico (codice d'accesso o
biometrico)
Dipende da quanto volete spendere :-)
Post by mailgate
- Impianto di condizionamento indipendente tarato sulle calorie delle
macchine presenti
Dovrebbe controllare e gestire anche l'umidita', che generalmente
dovrebbe restare fra il 40 e il 60% non condensante. Prendete in
considerazione anche sistemi rack con condizionamento interno: quattro
macchine, un ups e un po' di switch e router stanno larghi in un 42U.

Vedi http://www.apc.com/products/family/index.cfm?id=107
Post by mailgate
- Allarme alta temperatura
Dipende cosa fa. Se avisa e basta non e' gran che; se puo' impartire uno
shutdown controllato, meglio.
Post by mailgate
- Allarme antiintrusione e videoripresa
Ellapeppa ... per quattro macchine? :-D
Post by mailgate
- Allarme e sistema anti-incendio
Ok
Post by mailgate
- Impianto di distribuzione prese lan in cat 6
Puoi usare la Cat-5e, dato che hai la medesima compliance con gli
standard attuali, costa molto meno e si installa piu' facilmente.
Post by mailgate
- Impianto di distribuzione prese corrente separato con ups
Considera anche qui lo spegnimento controllato di tutte le macchine;
puoi farlo via rete.

Ciao
Luca
--
Luca Sasdelli
Microsoft MVP - Security, Networking, Windows NT/2000/XP
http://support.microsoft.com/newsgroups/default.aspx
IDRCI Italia - http://www.idrci.it - http://forum.idrci.it
CHX-I, CHX-I NAT Stateful Packet Filter
mailgate
2004-09-21 14:33:28 UTC
Permalink
Questo messaggio potrebbe essere inappropriato. Clicca per visualizzarlo
n3tgan3sh
2004-09-21 15:38:35 UTC
Permalink
Post by mailgate
Pensavo al gigabit per i server. a breve dovrò cambiare gli hub con swicht
tipo HP2650 e pensavo di connettere i server a 1000
appunto. Basta e avanza il cat5-e.
Iceman
2004-09-21 11:00:16 UTC
Permalink
Ho lo stesso problema :)
Appena ritrovo un picolo documento da me scritto magari posso suggerirti
qualcosa d'altro.
Post by mailgate
- Impianto di condizionamento indipendente tarato sulle calorie delle
macchine presenti
Uhm... come determini le calorie sviluppate dalle macchine presenti?

Ciao,
Alfonso.
n3tgan3sh
2004-09-21 11:49:12 UTC
Permalink
Post by Iceman
Uhm... come determini le calorie sviluppate dalle macchine presenti?
dipende : se la macchina si ciba di un db oracle che scrive un milione di
record al giorno le calorie sviluppate sono maggiori del file server con
sopra du'cento documenti in uord ; a quel punto, la dieta da determinare
(quante ventole) :-)

scherzi a parte, ci sono tools a tonnellate per verificare la
temperatura,etc.etc.etc.
mailgate
2004-09-21 14:47:21 UTC
Permalink
Post by n3tgan3sh
scherzi a parte, ci sono tools a tonnellate per verificare la
temperatura,etc.etc.etc.
Penso che intendesse dire come calcolare le calorie emesse dalle
apparecchiature per dimensionare il condizonamento.
Poi hai ragione. Un server attivo scalda molto di piu'.
mailgate
2004-09-21 14:44:11 UTC
Permalink
Ho fatto un po' di ricerche, tutte sul sito HP/Compaq visto i miei server.

Ho trovato che per calcolare le BTU di un server bisogna applicare la
formula:

BTU = Volts x Amps x 3,41

Poi ho trovato una pagina molto utile dove scaricare dei fogli excel che
specificato la configurazione del proprio server ti calcola in automatico
una serie di parametri elettrici tra cui le BTU e VA assorbiti

il "Power Calculator"
http://h30099.www3.hp.com/configurator/powercalcs.asp

Ciao
Post by Iceman
Ho lo stesso problema :)
Appena ritrovo un picolo documento da me scritto magari posso suggerirti
qualcosa d'altro.
Post by mailgate
- Impianto di condizionamento indipendente tarato sulle calorie delle
macchine presenti
Uhm... come determini le calorie sviluppate dalle macchine presenti?
Ciao,
Alfonso.
Iceman
2004-09-21 19:48:13 UTC
Permalink
Ecco cosa ho trovato... credo possa essere molto utile per dimensionare
l'impianto.
Avevo pensato a qualcosa di simile ma stavo facendo tutti i calcoli a mano.
Meglio cosi'.

Innanzitutto riporto uno stralcio di un manuale relativo ad un server Sun.

Temperatura ambientale ideale

Una temperatura ambientale compresa tra i 70 °F e i 73 °F (21 °C e 23 °C) è
ideale per

garantire l'affidabilità del sistema. A 71 °F (22 °C), l'umidità relativa
viene

mantenuta facilmente entro livelli di sicurezza ed esiste un buffer nel caso
di guasti

al sistema di supporto ambientale.

Umidità relativa dell'ambiente ideale

Un valore di umidità relativa dell'ambiente compreso tra il 45% e il 50% è
quello

ottimale per eseguire elaborazioni di dati per:

evitare la corrosione;

fornire un buffer del tempo di funzionamento in caso di guasti al sistema di

controllo ambientale;

evitare guasti causati dall'interferenza intermittente delle scariche
elettrostatiche

che si producono quando i livelli di umidità relativa sono eccessivamente
bassi.




Inoltre (da http://www.teknacentroservizi.it/teknaguida.html):

Per il calcolo semplificato della potenza frigorifera eseguiamo la
valutazione su un locale, ad esempio una stanza, strutturata con alcune
pareti rivolte verso l'esterno, delle finestre, alcune persone che la
occupano normalmente ed un'arredamento normale.
Mantenere le condizioni di fresco in questo locale vuol dire che è
necessario trovare il corretto equilibrio tra la quantità di calore che
entra nel locale, quella generata all'interno dello stesso e quella che il
nostro condizionatore deve smaltire.
A fronte di quanto sopra esposto è facile intuire come, nella stagione
estiva, essendo la parete esterna più calda di quella interna, si genera un
flusso di calore che entra nel locale per il semplice effetto della
trasmissione di calore.
Dobbiamo poi considerare che le finestre sono a tutti gli effetti delle
pareti che lasciano passare il calore molto più facilmente senza dimenticare
che dalle pareti vetrate esposte ai raggi diretti del sole entra anche
l'energia radiante diretta del sole, con il conseguente ulteriore ed
importante contributo di calore nell'ambiente.
A tutto ciò bisogna aggiungere il calore generato all'interno del locale in
questione come ad esempio una lampadina accesa che emette calore da
aggiungere al bilancio, una persona presente che emette calore perchè la sua
temperatura corporea media è di 37°C insieme all'aria calda generata insieme
ad umidità attraverso la semplice respirazione, un televisore o un computer
accesi che emettono calore durante il loro funzionamento.
Tutti questi elementi si devono sommare e vanno a generare un numero che
indica la quantità di calore presente all'interno del locale.
Al fine di creare condizioni di benessere ambientale, il condizionatore deve
essere dimensionato con una potenzialità frigorifera maggiore o al limite
uguale a quella calcolata per poter smaltire il totale del calore sopra
citato.
Il numero che si ottiene dal calcolo di cui sopra si chiama stima dei
carichi termici, cioè nella già nella sua definizione indica il concetto che
si tratta di una valutazione approssimativa dei fenomeni e grandezze fisiche
reali.A ciò vanno aggiunte la variabilità delle situazioni comportando che
la potenzialità del condizionatore dovrà essre scelta con un certo margine
di abbondanza che tenga appunto conto delle approssimazioni e degli
eventuali errori di valutazione che possono essere stati compiuti.
L'esperienza è comunque insostituibile maetra nelle valutazione e nella
scelta della potenzialità frigorifera delle macchine.
Quì di seguito è inserita una tabella che vuole essere semplice riferimento
per una valutazione rapida e sufficentemente approssimata dei carichi
termici di un locale

A) Persone presenti (in leggero lavoro o riposo) N°x 100 x 4 = Btu/h
B) Finestre o vetrate
esposte a Nord superficie mq x 10 x 4
esposte a Sud soleggiate superficie mq x 100 x 4
esposte a Sud Ombreggiate superficie mq x 40 x 4
esposte a Est soleggiate superficie mq x 75 x 4
esposte a Est ombreggiate superficie mq x 10 x 4
esposte a Ovest soleggiate superficie mq x 150 x 4
esposte a Ovest ombreggiate superficie mq x 50 x 4
=Btu/h
=Btu/h
=Btu/h
=Btu/h
=Btu/h
=Btu/h
=Btu/h

C) Pareti esterne (detratte le superfici di finestre o vetrate)
esposte a Nord o Est superficie mq x 10 x 4
esposte a Sud soleggiate superficie mq x 25 x 4
esposte a Sud ombreggiate superficie mq x 15 x 4
esposte a Ovest soleggiate superficie mq x 30 x 4
esposte a Ovest ombreggiate superficie mq x 15 x 4
=Btu/h
=Btu/h
=Btu/h
=Btu/h
=Btu/h
D) Pareti interne (solo quelle verso locali non condizionati)
superficie mq x 7,5 x 4
=Btu/h
E) Soffitti (solo quando i locali soprastanti non sono condizionati)
mansarda abitata superficie mq x 7,5 x 4
sotto solaio superficie mq x 25 x 4
sotto tetto o terrazza con
-buon isolamento superficie mq x 35 x 4
-scarso isolamento superficie mq x 50 x 4
=Btu/h
=Btu/h

=Btu/h
=Btru/h

F) Pavimenti (solo quando il locale sottostante non è condizionato)
superficie mq x 10 x 4
=Btu/h
G) Carico elettrico in Watt (lampade, macchine elettriche d'ufficio ed
ogni altro apparecchio elettrico o a gas che emette calore)
Watt x .85 x 4

=Btu/h
(A + B + C + D + E + F + G) = Btu/h


Spero possa essere utile a tutti.

Ciao,
Alfonso.

Continua a leggere su narkive:
Loading...